Tasche Dritte E Tasche Oblique Della Giacca

tasche dritte e tasche oblique della giacca

Quale è la differenza tra tasche dritte e tasche oblique della giacca?

Come sappiamo ogni uomo ha una struttura diversa e in pochi hanno quella ideale. Quando si sceglie un capo d’abbigliamento, questo può presentare dei dettagli o essere in un determinato modello o taglio in grado o di nascondere o di sottolineare alcuni punti deboli del corpo.

Le tasche sono uno di questi dettagli. A seconda del loro modello determinano anche il grado di formalità della giacca o dell’abito, ma non sono nemmeno da trascurare il punto in cui sono posizionate, la grandezza della pattina ed il loro taglio (dritto o obliquo) in quanto, tutti questi elementi, sono in grado di modificare (in meglio o in peggio) la vostra silhouette.

Nella maggior parte dei casi gli abiti da indossare tutti i giorni per l’ufficio  hanno tasche come quelle che vediamo nell’immagine successiva.

tasca dritta

photo credits: suitsupply

 

Potrebbe poi capitare che queste tasche laterali si presentino non tagliate in orizzontale ma in senso obliquo.

tasca obliqua

Le tasche oblique (slanted pocket) si trovano comunemente sulle hacking jacket – (giacche in tweed nate per essere indossate per passeggiare a cavallo) – in quanto sono state ideate per offrire un accesso più facile, quando chi le indossa è seduto. Sulle hacking jacket è sempre presente anche una ticket pocket (la piccola taschina sopra alla tasca destra, vedi in fondo all’articolo)

giacca hacking

Generalmente parlando le tasche dritte o oblique non sono una scelta che ha a che fare con moda o tendenza del momento

Ma vi è una differenza visiva molto sottile.

La tasca dritta, segna una linea  in orizzontale e quindi aggiunge peso visivamente interrompendo  l’effetto dell’altezza, come succede per la cintura, per cui può essere utilizzata per bilanciare una figura molto alta o magra.

Una tasca obliqua segnando una linea che va verso l’alto, spinge naturalmente l’occhio di chi guarda verso il volto senza soffermarsi sull’addome, il che potrebbe essere una buona soluzione per gli uomini con pancia-

La tasca obliqua è ritenuta un po’ meno formale di quella dritta ma negli ambienti lavorativi di oggi non molto conservatori, sono assolutamente accettabili.

Non è raro infatti anche trovare abiti business con ticket pocket, che per taluni potrebbe risultare una scelta pratica, l’importante e’ che siate consapevoli che la ticket pocket non dovrà essere presente su un abito formale o da sala del consiglio e nemmeno su quello del matrimonio!

tasca obliqua

photo credits: suitsupply

Ticket Pocket Ticket pocket è una piccola tasca collocata sopra la tasca laterale destra della giacca. Questo stile è nato nel 19 ° secolo in Inghilterra, per permettere di avere accesso facilmente al biglietto del treno creando una taschina apposita. (ticket significa biglietto in inglese). Più recentemente questo stile ha trovato di nuovo la sua collocazione a partire dagli anni 60.
ticket-pocket definizione

 

Ti Potrebbe Interessare

outfit estate

Facebook

8 Comments

  • Max

    Reply Reply 24/02/2015

    Ciao Simonetta, ti ringrazio nuovamente per la puntualità e precisione della risposta. Mi è chiaro quanto dici… magari proverò a linkare alcune foto, evitando di fare pubblicità ai noti brand in questione.
    Confesso che nel mio guardaroba manca un tight e un frac, però non ho ancora avuto la necessità di indossarli, ma se dovesse servire dovrò provvedere, seppur non sono “versatili” come uno smoking, dico bene?

    Vorrei allargare il discorso alle scarpe, perché modelli formali come derby ma anche oxford possono presentare suole a “dente di squalo” e/o colori sgargianti come il blu elettrico. Rinomati calzaturifici italiani propongono tali calzature “eleganti” e, personalmente, intercettano il mio gusto.
    Mi riferisco soprattutto a un noto calzaturificio toscano (quello della “H”) che ha addirittura calzature (e accessori) in pellame pregiato (cocco) dal prezzo fuori portata (almeno per me!), ma anche altri produttori italiani assai meno dispendiosi, propongono scarpe di questo tipo.
    Per esempio, una scarpa nero lucido, modello oxford, con la suola sempre nera ma in gomma con il profilo a “dente di squalo” è sfruttabile con un abito formale? Mentre, per un abito tipo fashion non dovrebbero esserci problemi, o sbaglio?

    In questi casi, cioè di scarpe un pò sopra le righe o abiti fashion sono più adatti a uomini giovani, ragazzi ventenni e trentenni (come nel mio caso) oppure può indossarli chiunque senza sembrare ridicolo? Indossando la drop 8 ho notato che molte case producono abbigliamento fashion praticamente solo slim, è una mia impressione oppure è davvero così?

    Max

    Ps: poi mi piacerebbe un tuo topic su come un ragazzo debba presentarsi a un appuntamento pomeridiano e serale a una ragazza.

    • Ciao Max…un po’ meno puntuale questa volta 🙂 ma non mi sono dimenticata.

      Tight e Frac non sono capi indispensabili fino a che tu non frequenti ambienti molto altolocati tipo reali ecc. e per di piu’ in Italia non sono outfit molto comuni. Il discorso cambia per lo smoking, perche’ facilmente nella vita di un uomo potrebbe presentarsi l’occasione di indossarlo, per qualche serata elegante meno impegnativa.

      Nessuno dei tre outfit (tight smoking e frac) si puo’ considerare versatile in quanto hanno dei ruoli ben precisi e delle regole ferree, possiamo dire pero’ che lo smoking ha piu’ occasioni per essere indossato nella vita normale di un uomo piuttosto che gli altri due.

      Un capo o un outfit e’ versatile quando puo’ essere utilizzato in modi diversi o in diverse occasioni e di target differente.

      Per quanto riguarda le scarpe (ma il discorso vale per tutto il resto dell’abbigliamento) alcuni modelli forme materiali ecc. sono oggetti creati per amanti del fashion, e così devono essere interpretati. Una scarpa in cocco blu elettrico e nera da 1600 euro, è una scarpa adatta a chi , oltre al denaro a disposizione, ha già nella scarpiera una collezione infinita di scarpe per tutte le occasioni e looks e, si spera, abbia anche un consolidato stile personale e conoscenza delle regole di base del ben vestire.

      Rispondo alla tua domanda “Per esempio, una scarpa nero lucido, modello oxford, con la suola sempre nera ma in gomma con il profilo a “dente di squalo” è sfruttabile con un abito formale? Mentre, per un abito tipo fashion non dovrebbero esserci problemi, o sbaglio?”
      Risposta
      Immagino che per formale tu intenda un abito tipo business e non tight e frac (nel qual caso la risposta sarebbe un no assoluto>) per cui ipotizzando l’abito business (che poi e’ l’abito elegante come quello da matrimonio per intenderci) la risposta è che è possibile, (se lo si sa fare riuscendo ad armonizzare il tutto) ma non sarà possibile indossare quell’outfit in occasioni formaliì.
      Quando si parla di occasioni formali, si intendono occasioni dove la forma e’ importante, per cui ci si deve attenere ad una etichetta che in poche parole rappresenta il buon senso, se non esiste codice scritto (dress-code)
      Le scarpe con suola in gomma non sono mai formali, una scarpa dalla fattura elegante come una oxford di materiale pregiato (il cocco è pregiato ma non formale) con suola in gomma e’ un ibrido, da considerarsi fashion. Adatta a chi veste fashion o che ha un proprio stile personale orientato a stravaganze varie. Ma nelle occasioni formali, almeno che non si sia delle rock star, bisogna rispettare delle regole che sono quelle che distinguono l’uomo dal gentleman (anche se poi nella vita privata indossa tutte le stravaganze del caso)

      Rispondo all’altra tua domanda: “In questi casi, cioè di scarpe un pò sopra le righe o abiti fashion sono più adatti a uomini giovani, ragazzi ventenni e trentenni (come nel mio caso) oppure può indossarli chiunque senza sembrare ridicolo? “
      Nella maggior parte dei casi sia l’uomo che la donna quando avanzano con l’eta’ dovrebbero seriamente pensare che l’età ha un suo scopo nella vita. L’avanzare dell’età ti fa acquisire maggiore dignità e rispetto, per cui è un peccato indossare cose che te li fanno perdere in un attimo.
      E’ sempre il buon senso che deve darci delle dritte. Non e’ che una persona più avanti negli anni non possa indossare un capo fashion, ma lo dovrà indossare diversamente da quando aveva ventanni per non cadere nel ridicolo. Anche certi stilisti, che ormai sono diventati anziani, insistono nell’indossare alcuni capi, ed una quintalata di accessori cadendo delle volte, per noi comuni mortali, nel ridicolo e penoso. Mentre altri riescono comunque a creare una connessione fra i loro capi fashion ed una certa dignitosa eleganza, mantenendo intatto il loro stile ed il loro look distintivo, pur inserendo le varianti adatte alla propria eta’.

      Altra domanda: “Indossando la drop 8 ho notato che molte case producono abbigliamento fashion praticamente solo slim, è una mia impressione oppure è davvero così?”

      Grazie al cielo! Ognuno deve prendere consapevolezza del proprio fisico e vestirlo al meglio per valorizzarlo qualunque esso sia (snello come nel tuo caso , oppure grosso, corto o lungo) e nulla di meglio che l’abbigliamento classico è in grado di farlo (e’ nato con lo scopo di valorizzare il fisico dell ‘ uomo) quando però si esce dai canoni classici si entra in un terreno minato e bisognerebbe chiedersi: questo modello sta bene sulla mia corporatura, o lo indosso solo per farmi vedere dagli altri o per fare una dichiarazione di moda?
      Per fortuna che, furbescamente, alcuni stilisti consapevoli del fatto che alcune corporature farebbero sfigurare i loro capi (certamente per loro interesse e non nostro) , limitano le taglie! Senno’ sai che circo? 🙂

      Per quanto riguarda il post, lo metto in coda alle richieste e spero di poterti accontentare presto.

      SZ

  • Max

    Reply Reply 23/02/2015

    Ciao Simonetta, ti ringrazio per la risposta puntuale… dunque, la cerimonia sarà di gruppo durante una domenica mattina di Maggio. In Chiesa ci saranno parenti e amici… ammetto di non essere un esperto in materia di funzioni religiose in quanto l’ultima volta che ho calcato il pavimento di una chiesa è stato per la mia cresima avvenuta un paio di decadi fà, eccezion fatta per partecipazioni a battesimi, comunioni o matrimoni altrui 🙂
    In effetti facevo riferimento a abiti fashion, non a un classico intramontabile (tipo CC); ergo, nel caso appunto di abiti alla moda, la correttezza stilistica non seguirà regole dei canoni dell’abbigliamento classico.
    Inoltre, poiché sono un amante dei gilet “alla moda”, mi chiedevo se questo tipo di capo, possa inserirsi in abiti anche classici (monopetto a 2 bottoni). Mi spiego, per esempio gilet tipo N.B. con inserti geometrici blu scuro e neri; mi riferisco a stilisti che giocano sui contrasti e geometrie come quelli di “scuola” anglosassone come appunto N.B. e anche J.R. o i nordmericani di DS2. In pratica potrei avere un abito dal taglio classico (monopetto a 2 bottoni) e un gilet non appartente all’abito, ma fahion. Il discorso potrebbe allargarsi con le camicie e le scarpe… in ogni caso, sono abbinamenti praticabili nel caso di cerimonie? Nel caso di serate più o meno formali o di piacere, invece?
    Penso sia utile un tuo topic sull’abbigliamento dal taglio “formale” ma alla moda e sai bene a quali brand mi riferisoc.
    Grazie, Max.

    • Perfetto Max. Allora bisogna distinguere il saper vestire bene, e quindi avere una serie di “regole da osservare” tipo fit, colori tagli che devono essere adeguati alla persona ed alla situazione – dallo stile personale che allora e’ la parte dove un uomo che conosce le basi del menswear puo’ liberamente esprimere la propria personalità rompendo con coscienza le suddette regole. Per cui nell’espressione del proprio stile tutto è ammesso purche’ fatto consapevolmente. Detto questo nel caso di cerimonie dovrai essere tu a valutare il tipo di cerimonia e capire quanto ti sia permesso esprimerti. Faccio un esempio: se sei invitato al matrimonio del Principe vattelapesca…. di mattino beh, ben saprai che avrai poco da esprimerti, dovrai attenerti al tight (anche se il tight da’ anche più possibilita’ di esprimersi rispetto al frac ti basta vedere le foto dei reali inglesi nelle varie occasioni ufficiali per capirlo) se la cerimonia è di giorno. Se il matrimonio è di un caro amico che non ha definito un dress code fisso, allora ti sara’ possibile dar spazio (entro certi limiti che tengono in considerazione, l’orario, la location, il target della cerimonia ecc) alla tua creativita’. Per cui tutto questo preambolo per dirti, che nulla è intrinsicamente sbagliato o giusto nell’espressione dello stile, purche’ esista coerenza con la tua persona e con l’ambiente circostante. L’inserire un gilet fashion sotto ad un abito business se fatto bene puo’ essere un modo per esprimere anche la tua creativita’ e, ripeto se fatto bene, anche elegantemente. Se l’outfit ti piace, ti sta bene, e’ sartorialmente perfetto per fit e i colori armonizzano sei libero di osare.
      E’ mia intenzione a breve scrivere articoli che, invece di insegnare come si indossa questo o quello, possano essere d’aiuto a stimolare la creatività e lo stile di ognuno. Tanto sono gia’ quasi 5 anni che scrivo su gli elementi fondamentali del menswear e dal momento che ho aperto una strada che ormai tutti stanno percorrendo, anche chi di menswear non ci capisce nulla, e’ bene cambiare un po’ rotta e passare a qualcosa di più avanzato, anche per rispetto ai miei lettori di lunga data. Che ne dici sei d’accordo? Se qualcosa non ti è chiaro continuiamo la conversazione (tieni presente che a volte non riesco a scrivere in tempi brevissimi ok? ) a presto Simonetta

  • Ho trovato questo portafoglio che è adatto alla forma della tasca. http://www.v-trap.com/#!product/prd1/2552683571/victory
    Il marchio si chiama Vtrap. Vorrei sapere quanto potrebbe esse comodo rispetto alla forma “classica” rettagolare?

    • Ciao Dmitry, reputo che la funzionalità possa essere un po’ soggettiva non e’ detto che quello che per me e’ pratico per un altro lo sia altrettanto. Accertati bene delle dimensioni nella parte piu’ piccola, perche’ se non sono standard (non ho ben compreso se quel brand e’ commercializzato anche in Europa e fino ad’ora non lo conoscevo) e se fossero ritagliate sulle banconote americane, bisogna tener presente che alcune banconote dei ns. euro, sono piu’ grandi del dollaro che invece ha misure fisse. Per il resto se ti piace , e mi sembra ben costruito, si tratta di provare . A presto. SZ

  • Max

    Reply Reply 20/02/2015

    Ciao Simonetta, ho già riportato questo post ma nel topic sbagliato… dunque, tra alcuni mesi devo cresimare mio nipote e mi domandavo se un abito bianco (in seta 100%) monopetto ad un bottone (non smoking) potesse ritenersi adeguato per la cerimonia; immagino che la tasca obliqua sia sempre inopportuna in questi casi. Oppure uno spezzato con pantaloni neri tailored e una giacca grigio chiaro con motivo a righe e con gilet cucito (incorporato) e tasca obliqua. Entrambi i capi a cui faccio riferimento sono di una nota casa di moda inglese di cui riporto le sole iniziali V.W.. Tieni presente che sono un trentenne drop 8. Grazie, Max.

    • Ciao Max, perdonami ma con i corsi che sto tenendo, mi sono fusa un po’ la testa, per cui non sono riuscita a risponderti prima.
      Non mi hai detto che tipo di cerimonia sarà: in gruppo? oppure tuo nipote riceve la Cresima singolarmente ? In chiesa vi saranno anche i parenti &co. di altri ragazzini, oppure siete solo fra di voi?
      Ad ogni modo se la Cresima è di gruppo escluderei il bianco, un po’ sulla falsa riga del galateo del matrimonio, per intenderci. Non vorrei che ti si notasse troppo fra la folla, ma non per l’eleganza ma piuttosto perche’ il bianco risalterà fra tutti gli altri, ed in questo modo rischi di rubare la scena ai cresimandi. Se la cerimonia è privata, come succede per tutti gli eventi, dovresti solo regolarti sull’orario, sul target della cerimonia e degli invitat, nella scelta dell’outfit.
      Ritengo che,trattandosi di dichiarati abiti fashion, non bisogna focalizzarsi sul modello delle tasche, perche’ come ben sai i prodotti moda diventano moda proprio per l’estro dello stilista e non certo per la correttezza stilistica dei canoni dell’abbigliamento classico. Diverso sarebbe se l’abito fosse stato un classico abito business o da cerimonia
      Detto questo chiaramente fai le tue dovute considerazioni, ma a mio parere la seconda opzione direi che è la scelta migliore fra i due outfit, da come lo descrivi mi sembra adeguato ad una cerimonia che, immagino, si svolga al mattino/pomeriggio.
      Fammi sapere se c’e’ qualcosa di poco chiaro. A presto. SZ

Leave A Response

* Denotes Required Field