La Cravatta Tricot

cravatta tricot

La cravatta tricot non è qualcosa di nuovo nel panorama dell’abbigliamento maschile, ma  da qualche anno a questa parte riscuote molto popolarità, presumibilmente dovuta al fatto che rende “easy” l’idea di cravatta  da parte di coloro che vestono in modo più sciolto e casual.

La situazione è tale,  ai nostri giorni,  che, chi indossa una cravatta, fa una bella dichiarazione di controtendenza assecondando la propria individualità; per cui indossare una cravatta tricot  può essere un buon modo di indossarne una, senza la pretenziosità  che a volte può conferire al look una cravatta tradizionale in seta.

E’ un modo davvero piacevole per aggiungere un po’ di carattere ad un outfit.

TUTTO SPIEGATO IN QUESTO VIDEO

Le cravatte tricot o in maglia, possono essere di seta, di lana o cotone o, piu’ facilmente in un mix di questi materiali.

Qualunque sia il materiale della cravatta, rimane pur sempre una cravatta casual.

Questo tipo di cravatta era molto in voga tra gli anni 50 e 60 e la  lana e la seta erano  gli unici materiali utilizzati.

guida alla cravatta tricot

Ai giorni nostri le possiamo trovare anche in misto lino e cotone, lino e lana, lino e seta

In generale e’ consigliabile utilizzare le cravatte tricot  composte da questi mix di filati nella stagione primaverile, mentre quelle in lana, che danno la sensazione di qualcosa di più caldo, come il morbido cashmere, in inverno. Quelle di seta, come per le cravatte classiche,  si possono indossare in tutte le stagioni.

Le cravatte tricot si possono trovare in diverse larghezze, il consiglio e’ quello di restare sui 6 cm. circa ed eventualmente optare per dimensioni maggiori se si indossa una giacca che ha i revers molto ampi, dal momento che le dimensioni della cravatta dovrebbero essere proporzionate  a quelle dei revers della giacca che tradotto vuol dire: revers ampi – cravatta larga, revers sottile – cravatta stretta.

formali

Quando si acquista una cravatta tricot un altro  fattore molto importante da considerare è la consistenza. Infatti si possono trovare sul mercato cravatte che hanno una trama più fitta e stretta, ed altre che invece hanno la trama più larga e allentata che quasi è possibile vedere attraverso di essa.

Queste cravatte non essendo in tessuto, ma lavorate a maglia tendono a cedere e quindi una trama più consistente le rende più corpose e resistenti  oltre a definire maggiormente il look con la loro  bella e interessante texture mossa.

La cravatta tricot è una cravatta informale e originariamente indossarla con un abito business non era pensabile. 

Oggigiorno la si puo’ indossare con tutto, al di fuori di outfit formali e da sera. Proprio per la sua natura casual diventa un ottimo elemento da inserire in un outfit quando consapevolmente se ne vuole abbassare il grado di formalità, ma allo stesso tempo è utile, al contrario, per aumentare quello di un outfit più casual. 

formalità ctravatta tricot

Chinos, camicie sportive, anche le stesse camicie in denim (se sono il vostro genere), giacche sportive in tweed, ma anche giubbotti in pelle o in jeans  e boot,  sono tutti capi che stanno bene con la cravatta tricot che riesce a rendere più personale e interessante un classico look casual.

Fortunatamente, sebbene esistano di tutti i colori e fantasie, le classiche in tinta unita o a pois e a righe orizzontali sono abbastanza facili da abbinare senza stare troppo a pensarci. Basterà fare solo attenzione, che  si integrino per colore al resto dell’outfit.

La cravatta tricot, poi rende facile la vita anche perchè non bisognerà essere dei professionisti del nodo. Infatti ha bisogno solo di un nodo piccolo casual e asimmetrico, per cui il classico ed elementare four-in-hand  sarà perfetto e,  come bonus, se una volta annodata vi rendete conto che la parte anteriore è rimasta più corta della parte posteriore,  non vi dovrete nemmeno preoccupare.

La cravatta tricot, infatti, non pretende troppe attenzioni e come tale invece di conferire un aspetto sciatto come succederebbe per le cravatte tradizionali, questo piccolo errore vi conferirà al contrario un’aria spensierata di nonchalance elegante e casual allo stesso tempo. 

lcravatta tricot e fermacravatta

Ultimo consiglio: Attenzione al ferma cravatta: con una cravatta tricot non è necessario, sebbene non sia vietato, indossarlo. In questo caso preferire un fermacravatta a clip perche’ quello classico potrebbe impigliarsi nella maglia e  di conseguenza rovinare la vostra cravatta.

INDOSSALA CON

con cosa indossare la cravatta tricot

come indossare la cravatta tricot

Facebook

12 Comments

  • Luca68

    Reply Reply 12/01/2017

    Ciao Simonetta, come promesso questo inverno ho comperato una cravatta Tricot blu e grigia 100% lana da abbinare alla giacca grigio chiaro. Mi piace molto, bisogna anche cambiare un po’,basta le solite in seta? Un abbraccio.. Luca68

    • Ciao Luca, che bella notizia :-). Bisogna buttarsi,rompere la comfort zone a piccoli passi e sperimentare! Bravissimo! Simo

  • Luca68

    Reply Reply 11/08/2016

    Grazie Simonetta della risposta, si ho fatto il nodo semplice e lasciato la gambetta piccola abbastanza corta, ma il nodo risulta comunque abbastanza grosso, non troppo comunque, dato appunto dallo spessore della stoffa. Ciao a presto Luca

  • Luca68

    Reply Reply 09/08/2016

    Ciao Simonetta questa estate ho comperato la prima cravatta tricot della mia vita. C è sempre la prima volta. Devo dire che non mi dispiace per niente, è in lino 100% beige con leggeri pallini e l ho abbinata ad un giacchino in cotone blu tendente al jeans lavato, camicia botton down bianca in lino, jeans slim fit blu e scarpe sneachers bianche in pelle. Ho notato che nonostante la cravatta sia sottile, il nodo al contrario viene abbastanza grosso, dato dallo spessore grosso del tessuto di maglia. Ne prenderò sicuramente una in lana per l inverno prossimo da abbinare alla mia giacca sportiva in Tweed. Grazie a questo articolo ho scoperto una cosa che non avevo mai apprezzato. Luca

    • Ciao caro Luca, mi fa tanto piacere che oltre a leggere provi sulla tua pelle. Non è detto che tutto quanto scritta vada bene per ogni singolo individuo, per cui, la miglior cosa è quella di provare e poi eventualmente adattare alle proprie esigenze. Per il nodo hai fatto il four-in-hand? Ma se la crvatta è un po’ spessa logicamente, c’e’ poco da fare :-). A presto. SZ

  • Fede

    Reply Reply 11/11/2015

    Ciao, una domanda mi sorge spontanea, ma premetto che non so molto ferrato in materia. Perché dici no con le oxford nere?!

    • Ciao Federico. Premetto che nulla è vietato, ma consiglio di evitare scarpe formali come le oxford nere con una cravatta tricot, perche’ se non si sa equilibrare bene l’outfit, potrebbe non essere armonico, in quanto la cravatta tricot è una cravatta casual e le scarpe stringate nere come le francesine sono molto formali. Con il marrone almeno mantieni il tono sportivo e piu’ equilibrato. A presto. Simonetta

  • PAolo

    Reply Reply 01/10/2015

    Mi hai fatto preoccupare!
    Non si fa così 🙁

  • Marco

    Reply Reply 13/09/2015

    Bentornata! La manutenzione del sito mi aveva lasciato senza il mio personale punto di riferimento 😀
    Perdonami l’off topic, ma vorrei sapere la tua opinione su questo argomento: se volessi indossare i gemelli in ambiente business consiglieresti i polsini singoli o quelli doppi? Trovo i secondi più da cerimonia che da abito business, concordi?

    • Ciao Marco, mi spiace 🙁 ho preferito agire d’estate proprio perche’ vi pensavo tutti in vacanza 🙂 Ora pero’ ci sono, ancora un pochino a rilento, perche’ non ho ancora terminato tutta la parte nuova, ma da ottobre penso che sarò in grado di postare più spesso e farmi perdonare curandovi di piu’. Promesso. Detto questo parliamo di gemelli anzi di polsini. A dire il vero il primo polsino cioe’ quello singolo in origine era ritenuto più formale del secondo, ma ai tempi nostri se ne è persa la memoria, dal momento che e’ poco visto. Ritengo che sia un’ottima scelta che rende meno “imponente” la camicia e fa una bella dichiarazione di stile in modo piu’ sottile. Molto belli anche su camicie a righe bianche e blu, bianche azzurre e colletto cutaway. JFK ha sempre preferito il polsino singolo da gemelli a quello doppio…quindi vai tranquillo. Approvo. 🙂 A presto e grazie. Simonetta

  • Orlando

    Reply Reply 13/09/2015

    Bell’articolo, come sempre! Devo comprare questo modello di cravatta!

Leave A Response

* Denotes Required Field