Orologi Belli Di Qualità A Prezzo Ragionevole

orologio Jungham

Quando si parla di orologi di classe generalmente si ci focalizza su pezzi importanti e molto costosi anche perché le riviste patinate propongono solamente determinate marche  status symbol.

Avere un bell’orologio è importante per un uomo, e non possiamo negarlo, ma non tutti si possono permettere di acquistare certi gioielli.

Intanto come avete  già imparato leggendo i miei articoli non è il prezzo che determina la qualità di un prodotto, spesso infatti alcuni capi o accessori hanno prezzi gonfiati solo per il nome che portano e non per la reale consistenza, e questo vale anche per gli orologi, per cui non vuol dire che un orologio ad un prezzo basso non sia funzionante per molti anni.

Qui di seguito una guida scritta dal nostro affezionato lettore Luca che contiene utili consigli per acquistare un orologio elegante, di buona qualità senza dover prosciugare il conto in banca e soprattutto senza commettere passi falsi.

L’orologio maschile spesso  non è percepito  come un monile, ma bensì come una sorta di oggetto che in qualche modo comunica la propria personalità e modo d’essere (sportivo, elegante, “importante” e via dicendo).

Ma attenzione che il portare al polso “una patacca” od un orologio dall’aspetto banale e mediocre potrebbe essere spesso percepito come una caduta di stile talvolta enorme, qualsiasi abito, formale od informale, noi si stia indossando.

In effetti è innegabile che l’orologio vada a “completamento” dell’outfit e ciò andrebbe fatto con un minimo di buon gusto, non dettato da colori e forme ma dalla sostanza.

Dobbiamo quindi procurarci al più presto un Rolex ?

No. Come sottolinea Simonetta, non si tratta di distinguersi per ostentazione di status symbol ma per buon gusto, stile e sobrietà, cosa che vale in assoluto anche per l’orologio, il quale potrebbe essere quindi più che un ornamento e che se scelto male è in grado  anche di demolire la nostra immagine in un colpo d’occhio, anche quello non esperto, e sarebbe un vero peccato.

Gli insegnamenti di Simonetta ci suggeriscono che bisogna evitare abbigliamento dall’aspetto “cheap” e che quel che conta è il “fit”, non la marca blasonata.

Possiamo estenderli anche per la scelta dell’orologio ?

Per il “fit”, ok: non deve essere ne troppo piccolo ne esageratamente grosso per il nostro polso e la nostra corporatura. Il cinturino deve essere regolato bene. Abbastanza ovvio.

Ma cosa significa “cheap” per un orologio ? Che costa poco ?

Qui viene il difficile, ma sfatiamo subito una credenza dura a morire:

Il fatto che un orologio non costi una fortuna NON determina imprescindibilmente che sia una scelta “povera”.

Alcuni anzi sono veramente ma veramente “poveri” pur costando cifre impronunciabili.

Come distinguerli, quindi ? come sceglierli ? E soprattutto come non spendere un patrimonio ed avere un’ orologio di qualità e di sostanza, seppur senza velleità collezionistiche o di “blasoni nobili” ?

Informandoci o chiedendo a chi ne sa più di noi, ovviamente. Possibilmente senza fermarci ad ascoltare SOLO i consigli di chi ce lo sta vendendo…

Non addentriamoci qui nei meandri di profonde nozioni, elucubrando tra “calibri” e “maison”, ma puntiamo al sodo, cercando di sottolineare un concetto fondamentale e piuttosto intuibile:

Esistono orologi da poche centinaia di Euro che si possono considerare “dei signori segnatempo“, mentre altri, che magari costano di più, che sono delle vere fregature.

E queste differenze non derivano solo dalle “raffinatezze meccaniche” celate al loro interno, le quali potrebbero anche non interessarci ma essere di per se sufficienti a convincerci: il rischio, come per l’abbigliamento è infatti quello di ritrovarsi a spendere per degli orologi per i quali è anche inquietantemente lecito chiedersi se tra 2 anni funzioneranno ancora. Mi è capitato di vedere meccanismi ossidati ed arrugginiti dalla condensa provocata dal polso ed entrata nella cassa a causa di guarnizioni scarsamente efficaci oppure deformati o spezzati a causa della infima qualità dei materiali, talvolta plastica.

Eh già, perché l’orologio, seppure possa essere una spesa iniziale per qualcuno anche importante, è un’ oggetto che potenzialmente dura una vita o anche due, se scelto bene. E l’investimento  già qui si giustifica da solo.

Gusti  permettendo, sarebbe meglio orientarsi su dei segnatempo classici o comunque sobri, senza il genere di inflazionamenti stilistici che subiscono tipicamente le referenze “chic” da vetrina.

Dureranno una vita anche sotto l’aspetto del look e saranno portabili  sia con l’abito blu che con i jeans.

Qualche esempio.

Vediamo alcuni modelli di segnatempo che possono a buona ragione rappresentare il concetto di “poca spesa-tanta resa” e piuttosto accreditate anche nel mondo degli appassionati e degli Esperti.

Volutamente, per sottolineare il concetto di relatività del prezzo e dare una decisa “sferzata di buon gusto“, prendiamo ad esempio nientepopodimeno che dei “meccanici”, ossia dei segnatempo i quali, anziché avere al loro interno i soliti, sterili meccanismi automatici al quarzo (a batteria, per intenderci) hanno dei sofisticati e pregiati meccanismi meccanici a carica automatica, data dall’oscillazione di una massa rotante, o a carica manuale. Molti di questi modelli o loro declinazioni sono comunque proposti anche nella versione “al quarzo”.

Rimaniamo in una spesa tra i 150 ed i 400 Euro, forti del fatto che uno sconto del 10-15% dovrebbe essere “la norma” nel mondo dell’orologeria di questo tipo: cercando bene (e chiedendo) si spunta  spesso  un -20% da listino.

GLYCINE

Casa che fonda le sue radici nella Svizzera dei primi del ‘900.

Oltre ad avere referenze sicuramente “impegnative”, ha dei modelli relativamente economici, seppure annoverata come “maison di lusso”. Qui, ottenendo  un buon sconto, siamo sui 400 Euro, con un magnifico fondello “a vista” che ne mostra il meccanismo:

acquistare orologio a prezzo ragionevole

JUNGHANS

Questi Made in Germany offrono delle linee iperclassiche  ma molto eleganti e particolari, con movimenti sia automatici che a carica manuale che al quarzo. Questi modelli della serie Max Bill sono disponibili in vari colori, quadranti ed in 2 misure: 34mm e 38mm. Anche questi, sconto permettendo, li troviamo sui 400 Euro:

orologio junghans

HAMILTON

marchio Swiss Made ma di origine statunitense ben noto ali appassionati, Ci sono svariati modelli , proposti in un’infinità di declinazioni. Questi in particolare li potete acquistare indicativamente a cifre tra i 250 ed i 400 Euro

orologio hamilton

TISSOT

Marchio che non necessita di presentazioni. Anche “scendendo” verso il “quarzo” troviamo cose interessanti. Qui, un automatico ed un quarzo.

irilogio Tissot

ORIENT

qui siamo in pieno “pragmatismo orologiero”: un marchio nato a Tokio nel 1901 di cui è attualmente co-proprietaria la Seiko. Hanno a listino svariati modelli (anche se in Italia ne vengono commercializzati solo una parte) quasi tutti a prezzi decisamente allettanti. Alcuni modelli sono un’icona tra i vari appassionati.

La cosa confortante è che con una spesa di 100-150 Euro vi  portate a casa orologi automatici come questi (da ricordare che i cinturini in metallo si possono facilmente cambiare con uno in pelle o altro, con una spesa di qualche decina di Euro)

orologio Orient

 

I  “poveri di qualità”

Comunque si decida di scegliere, non facciamoci ingannare da forme e quadranti accattivanti, pubblicità televisive, vetrine ben illuminate o nomi altisonanti e soprattutto informiamoci: molte, troppe sono patacche travestite da orologi seri, dentro dei quali ci sono quasi sempre le peggiori delle “cineserie”.

E tanti o pochi che siano, saranno tra i soldi peggio spesi della nostra vita, oltre a darci spesso (molto spesso) come già sottolineato una sorta di effetto boomerang.

Esistono in rete delle vere e proprie liste di quei marchi che cercano poco dignitosamente di “spacciarsi per quel che non sono”, talvolta con prezzi che non corrispondono minimamente alla qualità offerta. Dei veri e propri specchietti per allodole.

E non cerchiamo nemmeno noi di passare per quello che non siamo: gli orologi falsi sono patetici, prontamente riconoscibili ad occhi esperti ed alla fin fine costano quanto quelli appena citati. Un vero non-sense oltre che una fenomenale caduta di stile (ed una cosa illegale).

Qualora non ci si senta proprio attratti o del tutto disinteressati da questo genere di cose, dovremmo considerare  che comunque, volenti o nolenti l’orologio concorre al comporre la nostra immagine, per cui se proprio lo vogliamo  avere al polso, tanto vale indossarne uno dignitoso.

Anche nel “cheap” ci sono differenze  sensibili e ben distinguibili: ad esempio un Citizen   “sobrio” al polso è sicuramente  svariati gradini al di sopra dei vari luccicanti “cinesi griffati” che campeggiano in molte  vetrine e (purtroppo) presenti ai polsi di molte, troppe persone.

Post Scritto da Luca De Gaudenzi 

Ne approfitto per aggiungere  che tempo addietro anche un altro lettore, Roberto, mi segnalava il brand Junghans come ha fatto Luca nel suo post.

quoto:
ti invio intanto una proposta di un orologio che e’ intorno al budget dei tuoi…bello elegante e non visto. Tecnicamente anche nn e’ male visto che e’ un carica manuale anche se con un movimento non di manifattura
Roberto

Orologi Belli Di Qualità A Prezzo Ragionevole

Junghans 027/3700.00 Max Bill Handaufzug € 459

shadow-ornament

Orologi Belli Di Qualità A Prezzo Ragionevole

Ringrazio sentitamente i miei lettori così precisi ed attenti, nel darmi una mano sull'argomento, del quale non ho mai nascosto di avere una conoscenza rivolta principalmente solo al lato stilistico. Ma gioco forza questo mi aiuta ad allargare i miei orizzonti  e mi spinge a documentarmi per potervi dare sempre informazioni qualitativamente alte.

 

Qualora vogliate acquistare un orologio con un buon rapporto qualità/prezzo/eleganza penso sia anche utile anche fare attenzione ai micro-brand in uscita che devono farsi spazio sul mercato in quanto spesso propongono ottimi orologi a prezzi nettamente inferiori. L'importante è: informarsi prima di acquistare. Ed oggi bastano poche e semplici ricerche su Internet per essere aggiornati!

E Voi avete altri brand di orologi da consigliare per allungare questa lista?
Ogni testimonianza costruttiva è gradita

Quali siti consultare

Alpolso: Blog personale di Luca (l'autore del post). Attenzione! Il blog è appena per cui non contiene ancora tutte le informazioni, ma è interessante comunque leggere la mission. Se siete fra coloro che vogliono essere guidati all'acquisto senza spendere cifre folli e non incorrere in fregature vi consiglio di consultarlo di volta in volta perchè Luca potrà guidarvi.

Amazon.it : prezzi bassi e ottima politica resi

Chrono24.it  sito affidabile. Si possono comprare (e vendere) orologi di qualità a prezzi scontati

Watchismo.com  un sito interessante fonte di orologi insoliti e creativi provenienti da tutto il mondo.

Kickstarter.com Molti nuove micro marche stanno utilizzando Kickstarter  per lanciare il loro prodotto. Questo può essere un ottimo modo per  prenotare un orologio che potrebbe potenzialmente diventare una superstar nel mondo dell’orologeria.

 

Facebook

6 Comments

  • Un’ottima scelta di orologi, soprattutto i Junghans, che apprezzo particolarmente!

  • Alberto

    Reply Reply 01/04/2015

    Articolo davvero bello, complimenti. Io sono per gli orientali, Orient in primis e con poca spesa si acquista un “orologio” (sembra una cosa banale ma così non è). Non concordo molto su come ne escono i Seiko dall’articolo, ci sono dei veri piccoli capolavori nel listino della casa giapponese e pochissime patacche 😉 😉

    • Grazie Alberto per questo contributo! Se hai voglia di postarmi alcune immagini le inserisco nell’articolo e mi faccio perdonare per aver maltrattato i Seiko :-). Un abbraccio . SZ

  • Helmut Graf

    Reply Reply 02/11/2014

    Un orologio di alto livello dura davvero più di due vite. Io sto ancora usando spessissimo un Omega da polso acquistato dal mio bisnonno

  • Simone

    Reply Reply 29/09/2014

    Devo dire che per questione di abitudine non uso l’orologio da polso e lo metto solo quando esco, diciamo come un gioiello da uomo.Tuttavia da alcuni anni possiedo un paio di orologi Citizen e funzionano veramente bene, sono belli, dal design giovane e non costano un rene.

Leave A Response

* Denotes Required Field